CON IL PATROCINIO DELLA

CONO D’OMBRA LA TUA IMMAGINE

Cono d’ombra nel fondo dell’anima
la tua immagine, un’icona sfocata
che dilava attese nel susseguirsi
di giorni bui trafitti dal rimpianto.
Ricuce brandelli d’attimi persi,
grovigli di parole intesse, perle
evanescenti che più non ascolti.

Cono d’ombra nel fondo dell’anima
la tua immagine m’accarezza inquieta,
risale la curva dell’orizzonte
e lambisce la mia solitudine.
Cono d’ombra il tuo amore,
infinito dedalo di emozioni
smarrite tra le sabbie del passato.

1^ Poesia Classificata -  Mara Penso

Mestre (Ve)

2012 - XVII Edizione

PRESTAMI IL TUO VOLTO

Prestami il tuo volto
per sentire il desiderio sopito e soffocato
che si sveglia ancora nel tuo letto e ancora
si sfama e si disseta fra le tue braccia
che stringono la mia anima nuda.

Prestami il tuo volto
per lasciarti le parole di una poesia
al posto delle parole che non hai pronunciato
e delle passioni che non hai osato.

Prestami il tuo volto
per raccontare un libro non letto e seguire
due amanti che non si conoscono e un coltello sottile
che incide ferite nell’anima come fosse carne.

Prestami il tuo volto
per ricomporre con il sole il tuo viso allo specchio
per rintracciare il percorso di un maschio smarrito
e ritrovare l’uomo che sei veramente, fragile, forte,

appassionato, coraggioso, incerto …….eppure uomo.

 

2^ Poesia Classificata - Donatella Accoroni

Falconara Marittima (An)

2012 - XVII Edizione

AMO IN TE

Amo il segreto che ti percorre
la leggerezza che trasmette e che non nasconde
il continuo spasso della tua mente
dolorosa e felice
mai assente.
Insegnami le note che fanno vibrare
gli affascinanti spartiti del tuo pensare,
come trasformi la paura in fantasia
il tempo in sospensione
la risata in magia,
quanto dura la vita con te
se è un viaggio all’indietro
senza perché.
Allegro privilegio
averti accanto
conoscersi dentro
questo segreto-incanto.

3^ Poesia classificata - Gaia Rossi

Isernia

2012 - XVII Edizione

PRIMA CHE SCENDA LA NOTTE

Prima che scenda la notte
sui nostri cuori erosi
raccogliamo i cocci
di inutili parole,
le certezze in frantumi sparse
sui passi sgretolati della luna.
Prima che arrivi l’alba
raccogliamo uno ad uno
le schegge dei nostri tormenti,
i mille fremiti dei nostri silenzi,
riallacciamo i momenti
con echi e riverberi di stelle.
Con gli occhi lucidi
falciamo gramigne di pensieri
e nembi dall’azzurro cielo.
Ma facciamo presto
prima che ci sorprenda l’alba
e il vento ci travolga
con foglie lacere di tempo,
rinverdiamo il cielo
di vermiglio amore,
appoggiamo i pensieri bui
sulla falce d’ombra della luna!

4^ Poesia classificata - Floredana De Felicibus

Atri (Te)

2012 - XVII Edizione

TRITTICO D’AMORE

Mio figlio Marco….
Mio piccolo bambino
diamante che taglia
le ombre dell’aria
arcobaleno di ali
e di frecce
pianto di campanelle
ridenti
carezze di sogni
e di lune
 mio arco proteso
bambino!

5^ Poesia Classificata - Concetta Suriani Frangipane

Soverato (Cz)

2012 - XVII Edizione