CON IL PATROCINIO DELLA

AI CONFINI DEL MONDO

incamminiamoci, amore,

verso un Eden ai confini delmondo

sospeso tra lembi d'immenso

variegati di mille dolcezze;

andiamo, sull'altura levigata dal tempo,

con (e mani colme di mare

a irrorare l’arsura degli anni

commutandola in fresca d'alga.

Ci ameremo

dove il(tramonto adombrato s'infiora

e le sagome di neri vascelli

si commutano in fulgenti profili;

vedrai, saremo prati infiorati dal vento,

foglie leggiadre su orizzonti inviolati

che,ubriache d’ardore,

volteggeranno tra cirri di stelle accese.

Andiamo

dove la vita doma la tormenta

e il cuore, ebbro, si perde immemore

tra strali aurati di lucciole pazze

divenendo argilla scarlatta.

Noi, schegge pulsanti in oasi di Luce,

avremo ancora le labbra brucianti

se andremo insieme ai confini del mondo

dove, come puledri selvaggi,

vivremo a briglie sciolte il nostro amore.

5^ Poesia classificata

Rosa Spera - Barletta (Ba)

2004 - IX Edizione