CON IL PATROCINIO DELLA

E' STRANO QUESTO MIO PENSARTI

E' strano questo mio pensarti

come un mulino e immaginarmi vento

come un fiume e ritenermi foce

come un’onda e figurarmi scoglio.


L'illusione è questo mio tormento

di esserti indispensabile,

come stanotte l'esigenza

di esistere in ogni parola che leggi.


Ferisce i respiri la mancanza

ma il cuore è una fortezza inespugnabile

e nel trambusto di mille pensieri

sa che una pagina parla di noi.

 

4^  Poesia  Classificata  - Andrea Zenti

Roma

2013 - XVIII Edizione